Scusa se sono un poeta, quando si parla d’amore… senza riuscire ad amare

Dal 27 Ottobre è in rotazione radiofonica Scusa se sono un poeta, singolo della band Seconda Vita. La nostra radio fornirà una recensione di questa canzone.

Scusa se sono un poeta è senza dubbio una canzone con una melodia eccezionale, già al primo ascolto è palese l’orecchiabilità del pezzo. Il poeta, protagonista del singolo, riesce a parlare d’amore in un modo impeccabile, ma purtroppo non riesce ad amare. Questo fa celare in lui una vena malinconica che lo porta a proferire parole dolcissime che lo fanno volare con la fantasia ma non camminare con la realtà. Tutto questo condito dalla voce pacata e malinconica di Umberto Longoni, voce e chitarra di questo gruppo. Questa canzone, che io azzarderei essere un mix tra Jazz fusion e Blues, sembra essere una delle tante canzoni d’amore sentite e risentite, ma con un ascolto un po’ più attento si capisce che l’obiettivo dei Seconda Vita è proprio questo: parlare semplicemente d’amore, come solo un vero poeta sa fare, e l’idea che a parlarne sia una persona che non è in grado di amare, fa riflettere molto sul fatto che siamo tutti bravi a parlare d’amore, ma all’atto pratico è difficile applicare le nostre parole.

VOTO MELODIA: 9

VOTO VOCE: 8,5

VOTO TESTO: 7

Condividi :

About The Author

Radio Smeraldo