Avò, quando una storia vera e una voce meravigliosa si fondono assieme

Oggi la nostra radio apre la nuova rubrica parlando di Avò, un brano musicale interpretato dalla cantautrice Beatrice Campisi, già nostra ospite in passato.

Ad un primo ascolto, salta subito all’orecchio l’immensa bravura di Beatrice che, con la sua voce melodiosa, riesce ad interpretare meravigliosamente il brano.

La canzone parla di una violenza raccontata in prima persona, che ricorda com’era prima (Avevo in testa ricci sparsi) e che ripensa sempre alla madre. Il messaggio di questo brano è semplicemente stupendo, in quanto alla strofa finale si capisce che c’è un riscatto, la riconquista di una dignità ricostruita con fatica, giorno dopo giorno, con la semplicità profonda con cui le donne decidono di alzare la testa e superare le difficoltà semplicemente vivendo e donando altra vita. Una vita che col tempo ha dato i suoi colori, facendo nascere lungo la strada dei nuovi fiori.

Il messaggio è sicuramente forte, e soprattutto non è facile affrontare un tema così attuale come la violenza sulle donne; ma Beatrice Campisi ci riesce alla grande, utilizzando parole poco scontate e una melodia unica. Il brano, che sarà possibile ascoltare a partire dal 3 Novembre, lancia il suo nuovo album Il gusto dell’ingiusto, che, dalle parole della cantautrice durante la nostra intervista, conterrà 11 brani.

Beatrice ci aveva inoltre confessato che, dopo l’uscita del cd, avrebbe voluto cantare in giro per i teatri d’Italia per vedere la reazione degli ascoltatori. Il mio personalissimo cartellino è il seguente: se Avò è solo il brano di lancio dell’album, non vedo l’ora di sentire gli altri pezzi in rotazione!

VOTO MELODIA: 8

VOTO VOCE: 10

VOTO TESTO: 9

Condividi :

About The Author

Radio Smeraldo